Il vino di Milano

Il vino di Milano nasce nelle cantine della Poderi di San Pietro: le uve vengono sottoposte ad accurati controlli di qualità della materia prima e trattate in modo da garantire il mantenimento di tutte le proprietà organolettiche e aromatiche. L’azienda utilizza le più moderne tecnologie per assicurare un prodotto d’eccellenza, abbinando l’innovazione alla tradizione. La qualità delle uve viene garantita fin dai vigneti, dove la vendemmia viene effettuata a mano, per arrivare in cantina con il grappolo ancora intero e a una temperatura per quanto possibile bassa. Per il trasporto in azienda vengono utilizzati contenitori refrigerati, che mantengono le uve al fresco, impedendo così l’avvio del processo di fermentazione alcolica e limitando le ossidazioni. Il processo di selezione passa poi per un’altra tappa fondamentale: una volta arrivate in azienda le uve vengono scaricate su nastri trasportatori e sottoposte a un accurato controllo per eliminare eventuali grappoli danneggiati durante la fase di trasporto nonché eventuali foglie o germogli. Solo il prodotto migliore può passare alle successive fasi di lavorazione.

Un buon calice

Dove degustare i nostri vini?

Visita la nostra enoteca

Punto vendita

Dove acquistare i nostri vini?

Contatti

Un prodotto d’eccellenza

Per arrivare a un vino d’eccellenza servono materie prime di qualità, macchinari all’avanguardia e la sapienza che deriva dall’esperienza. Tutti elementi che si fondono alla perfezione alla Poderi di San Pietro. Nella lavorazione delle uve una parte molto importante è rivestita dal processo di eliminazione del raspo tramite la cosiddetta “diraspatura”. Il prodotto segue poi percorsi differenti. Nel caso dei vini bianchi il mosto viene ottenuto dalla polpa interna, nei vini rossi diventa invece importante riuscire a estrarre il colore ed i tannini dalle bucce, e per questi ultimi, in determinati casi dai semi. Il tutto avviene con procedimenti in cui automazione e lavoro manuale si fondono e il ruolo dei cantinieri risulta fondamentale in tutto il ciclo produttivo.

Le vasche a temperatura controllata in cui avviene la fermentazione alcolica permettono di raffrescare o riscaldare il contenuto, in base al tipo di lavorazione prescelta: la fermentazione alcolica ha luogo intorno ai 16 ° C per i bianchi, al fine di favorire una migliore qualità aromatica, e intorno ai 25-28 ° C per i rossi al fine di garantire una migliore estrazione e qualità del colore finale del vino.